Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

USA, Trump venne di fatto interdetto dopo l’attacco al Congresso

USA, un momento dell'assalto al Campidoglio

La rivelazione della decisione presa da Capo degli stati maggiori Milley è contenuta nel libro di Woodward “spoilerato” dalla CNN

È in uscita nei prossimi giorni in America, il 21 settembre per la precisione, l’ultimo libro del famoso giornalista investigativo Bob Woodward. Nella pagine del suo ultimo sforzo letterario, scritto insieme al collega Robert Costa, che si intitola “Peril” ovvero “Pericolo” il corrispondente del Washington Post racconta le giornate dell’assalto al Congresso, che hanno fatto il giro del mondo rendendo figure surreali come “Lo Sciamano” delle celebrità.

Ma oltre a ciò, Woodward tacconta anche di una riunione segreta, datata 6 gennaio, che vide Mark Milley, Capo degli stati maggiori riuniti delle forze armate americane, riunire i vertici militari USA per comunicare loro la decisione di bloccare ogni concreta possibilità per Trump, ossessionato da teorie cospirative ai suoi danni, di lanciarsi in drammatiche avventure, in particolare operazioni militari compresi attacchi nucleari.

Secondo Milley, Donald Trump esibiva segni di un “serio declino mentale” nei suoi ultimi giorni alla Casa Bianca, tanto da richiedere interventi top secret per limitare i suoi poteri. Fu questa la conclusione, e la conseguente decisione informale, del Capo degli stati maggiori riuniti delle forze armate americane, Mark Milley. La riunione venne convocata due giorni dopo l’assalto al Congresso del 6 gennaio da parte di militanti pro-Trump parsi istigati dal Presidente.

A rivelare l’anticipazione è stata la rete Tv Cnn che ha pubblicato stralci del libro ottenuto in anteprima.

Milley ritenne che in quelle prime giornate di gennaio Trump rischiasse “to go rogue”, di darsi ad azioni fuorilegge e folli aggirando le salvaguardie democratiche e governative. “Non è possibile sapere quale sia la miccia” che lo fa esplodere, disse ai suoi più stretti collaboratori riferendosi a Trump, denunciando il “comportamento erratico” del Presidente. 

16 Settembre
Autore
Luca Morazzano

Commenti