Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

A Cannes la guerra è peggio dell'inferno

volodymyr-zelensky.jpg

Il presidente ucraino Zelensky ospite al festival interviene in videocollegamento raccontando l'orrore

"L'inferno non è l'inferno, la guerra è peggio". Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, intervenendo a sorpresa al Festival di Cannes in collegamento video da Kiev.

Il leader ucraino ha denunciato la guerra della Russia e ha invitato il mondo del cinema a non tacere. "Il cinema sta zitto o ne parlerà?", ha chiesto e poi, riferendosi al film 'Il grande dittatore', ha affermato che "abbiamo bisogno di un nuovo Chaplin per dimostrarci oggi che il cinema non è muto".

"L'odio alla fine scomparirà, i dittatori moriranno", ha aggiunto Zelensky con tono serio, ribadendo che "continueremo a lottare, non abbiamo altra scelta". Il presidente ha infine accusato l'esercito russo di non fare altro che "uccidere, uccidere, uccidere", ricordando in particolare i drammi di Bucha e Mariupol.

18 Maggio
Autore
Claudio Mascagni

Commenti