Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Addio Chelsea: il russo Abramovich lascia il club

abramovich.jpg

La scelta dell'oligarca russo e le possibili reazioni nelle parole dell'allenatore Tuchel

"L'addio di Abramovich che impatto avrà sul Chelsea? È un po' troppo presto dirlo perché è una grande novità", ha detto il tecnico del club inglese Thomas Tuchel dopo il successo per 3-2 in FA Cup con il Luton. "E' un po' troppo presto per parlare, perché posso pensare solo al Chelsea con Roman Abramovich. Quindi è molto difficile per me. Non ho ancora capito come accadrà. È un enorme cambio di rotta. Non ne abbiamo parlato (prima della partita con il Luton). L'abbiamo accettato. I giocatori hanno connessioni internet, guardano la Tv quindi ovviamente lo sapevano, ricevono messaggi. Ma nella preparazione ci siamo comunque concentrati solo sullo sport", ha aggiunto l'allenatore tedesco. "E forse alcuni giocatori sono più colpiti, altri meno, ma alla fine siamo riusciti a concentrarci, crescere in questa partita e trovare la chiave per vincerla. Non credo di aver bisogno di parlarne. Sono molto sicuro che il club parlerà a noi e ai giocatori".

Il miliardario russo-israeliano Abramovich ha confermato la sua intenzione di vendere il club di Stamford Bridge nel mezzo dell'invasione russa dell'Ucraina. Il 55enne possiede i Blues dal 2003 e li ha aiutati a guidarli verso 19 trofei importanti. Ma il suo scintillante regno nella zona ovest di Londra è vicino alla fine, con un consorzio di miliardari che ha già reso pubblico il proprio interesse per un accordo. Il miliardario svizzero Hansjorg Wyss e l'investitore americano Todd Boehly sono considerati due delle parti che potrebbero unire le forze per preparare un'offerta per i Blues. Abramovich potrebbe essere soggetto alle sanzioni del governo del Regno Unito data la sua vicinanza allo stato russo, anche se si ritiene che abbia anche tentato di mediare un accordo di pace tra Russia e Ucraina e ha detto che nella vendita del club, al netto delel spese, sarà creata una fondazione che gestirà i danni e le morti provocate nel conflitto

"Non sono così preoccupato perché mi sento ancora privilegiato e in un buon posto. E spero ancora e confido per il meglio. Non sono tanto la persona che si preoccupa per le cose che non posso influenzare", ha proseguito Tuchel. "È una grande notizia, sarà un grande cambiamento, ma non ho mai paura del cambiamento e mi concentrerò su ciò che posso influenzare, su questo staff e sul team di Cobham". Abramovich si è anche impegnato a cancellare il suo prestito di 1,5 miliardi di sterline oltre a devolvere tutti i proventi netti della vendita per aiutare coloro che soffrono per l'invasione russa dell'Ucraina.


 
3 Marzo
Autore
Pasquale Lattarulo

Commenti