Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Meloni e Cingolani per una nuova energia

ministro_roberto_cingolani_firma.jpg

L'incontro tra la premier in pectore e il ministro della transizione ecologica per focalizzare la partita sul contenimento dei costi

Giornata di incontri e di contatti per Giorgia Meloni oggi a Montecitorio. La leader di Fdi ha incontrato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Al centro del colloquio, spiegano fonti di Fdi, il dossier energetico e il punto sulle dinamiche in discussione in sede europea per contenere il prezzo dell'energia. Tema affrontato dal presidente di Fratelli d'Italia anche su Facebook con un post: "La crisi energetica è una questione europea e come tale deve essere affrontata. Fratelli d'Italia e i Conservatori europei da sempre sostengono che il vero compito dell'Unione europea dovrebbe essere quello di gestire le grandi sfide continentali difficilmente affrontabili dai singoli Stati membri. Azioni di singoli Stati tese a sfruttare i propri punti di forza rischiano di interferire nella competitività delle aziende e creare distorsioni nel mercato unico europeo. Sosterremo in Europa ogni azione volta a contrastare i fenomeni speculativi e gli ingiustificati aumenti del costo dell’energia e appoggeremo ogni iniziativa condivisa di concreto aiuto a famiglie e imprese".

"Mi sto impegnando fortemente per passare tutto quello che stiamo facendo anche al futuro governo, su questa cosa ci deve essere una continuità dell'Italia al livello internazionale nella speranza di non perdere neanche un giorno nel passaggio. Non si deve perdere nemmeno un giorno nel passaggio e ho trovato molta ricettività dall'altra parte". Ad affermarlo è il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani nel corso di 'Porta a Porta' su Rai Uno. "Mi si potrà rimproverare di non avere avuto la forza convincere 27 paesi ma ora sono 22-23 a spingere per questo", sottolinea Cingolani.

5 Ottobre
Autore
Pasquale Lattarulo

Commenti