Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Sicilia sempre in giallo. Johnson: "Convivere col virus"

covid-19-5073811_1920.jpg

In Italia il ministro Speranza firma la nuova ordinanza antiCovid. Nel Regno Unito ritorno a passaporti vaccinali

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia dell'8 settembre 2021, ha firmato una nuova Ordinanza che dispone, per la Sicilia, la proroga dell'ordinanza del 27 agosto 2021 per ulteriori 15 giorni, ferma restando la possibilità di nuova classificazione.

SICILIA UNICA REGIONE GIALLA
Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dal 13 settembre 2021 è la seguente:

area rossa: (nessuna Regione e Provincia autonoma)
area arancione: (nessuna Regione e Provincia Autonoma)

area gialla: Sicilia.
area bianca: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto.

JOHNSON: "CONVIVERE COL VIRUS"
Intanto nel Regno Unito stop al lockdown, ma possibile ritorno a mascherine obbligatorie e passaporti vaccinali. Il premier britannico Boris Johnson ha anticipato alcuni aspetti del piano invernale per la gestione del Covid che annuncerà ufficialmente oggi. Il premier, riporta Skynews, ha affermato che mentre la "pandemia è tutt'altro che finita", il paese è "in grado di convivere con il virus" ora che a tutti gli adulti è stato offerto un vaccino, anche se non ha escluso il ricorso ad alcune restrizioni, come il lavoro a domicilio obbligatorio e il distanziamento sociale, in caso di aumento improvviso dei casi.

"La pandemia è tutt'altro che finita", ha avvertito Johnson, ma "grazie al nostro fenomenale programma di vaccini, ai nuovi trattamenti e ai test, siamo in grado di convivere con il virus senza restrizioni significative alle nostre libertà", ha spiegato il premier, preannunciando una terza dose di vaccino per milioni di persone anziane per rallentare le infezioni invernali, con gli over 80 e i gruppi vulnerabili in prima linea, seguiti da gli over 50.

14 Settembre
Foto: pixabay
Autore
Claudio Mascagni

Commenti