Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Covid uscito da laboratorio? 26 esperti per capirlo

Wuhan_Institute_of_Virology_main_entrance.jpg

L’inchiesta, proposta dall’OMS, è la seconda che va in questa direzione, dopo che la prima aveva giudicato improbabile la fuoriuscita dal laboratorio di Wuhan

Un tormentone che ci perseguita da due anni ormai: da dove viene il virus che ha cambiato il mondo? 

Un dibattito serio, a livello mainstream, non ha purtroppo mai avuto luogo: la pioggia di opinioni che ci ha investiti è stata tra la frangia antiscientifica, assolutamente convinta al 100% che il virus sia scappato dal laboratorio (addirittura per opera volontaria del governo cinese), e la frangia che accusa di negazionismo chiunque sollevi il minimo dubbio. 

Equilibrio non c’è mai stato, solamente bianco o nero, ma la comunità scientifica come sempre si occupa di far luce su tutte le scale di grigio che esistono nel mezzo.

L’OMS ha proposto un team di esperti per chiarire definitivamente l’origine del Covid-19, scegliendone 26 su una selezione iniziale di circa 700. È la seconda inchiesta su questo tema.

La prima aveva prodotto un report diffuso a marzo, che aveva definito come “Improbabile” la fuoriuscita del virus dal laboratorio di Wuhan. Nonostante questo primo risultato, il direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, che da tempo mette in dubbio i risultati della prima ricerca, ha richiesto ulteriori ricerche. "Capire da dove provengono i nuovi agenti patogeni è essenziale per prevenire future epidemie con potenziale epidemico e pandemico e richiede un'ampia gamma di competenze" ha affermato Tedros in una nota. Lo stesso direttore aveva affermato come ci fosse stata “Una spinta prematura a escludere la teoria del virus fuggito dal laboratorio di Wuhan”. La missione conclusasi a marzo era stata svolta congiuntamente alla Cina, tra le perplessità di Biden che aveva criticato la Repubblica Popolare cinese per aver ostacolato le indagini.

Questa inchiesta, che si baserà su nuove evidenze emerse durante l'anno, potrebbe cambiare comopletamente le carte in tavola. In caso di accertamento che la diffusione del virus sia opera di un errore umano all'interno del laboratorio, la Cina dovrà risponderne davanti a tutto il mondo.

14 Ottobre
Autore
Emanuele Di Casola

Commenti