Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Il G7 pronto a sanzionare ancora la Russia

parlamento ucraina.jpg

Le sanzioni contro la Russia saranno il tema principale del vertice dei G7 che si terrà dal 26 al 28 giugno al castello di Elmau

La situazione in Ucraina e le conseguenze delle sanzioni contro la Russia saranno il tema principale del vertice dei G7 che si terrà dal 26 al 28 giugno al castello di Elmau, nella Germania meridionale. Lo ha annunciato una fonte del governo tedesco spiegando che "saranno discusse le sanzioni anti-russe" e "la priorità sarà innanzitutto l'Ucraina".

"Saranno discussi i problemi energetici e l'embargo petrolifero", ha affermato la fonte, spiegando che i leader del G7 discuteranno anche separatamente le questioni relative alla fornitura di assistenza finanziaria all'Ucraina. "Vogliamo lanciare un segnale di unità e determinazione al G7", ha sottolineato la fonte, aggiungendo che "molto resta da fare per quanto riguarda l'attuazione delle sanzioni". "Abbiamo bisogno di un coordinamento internazionale qui - ha detto - Parleremo anche di cooperazione militare".

Inoltre verrà discussa l'assistenza finanziaria a lungo termine all'Ucraina, nonché il tema delle esportazioni alimentari dall'Ucraina. A seguito del vertice, secondo una fonte del Consiglio dei Ministri tedesco, è atteso un comunicato finale.

"Facciamo appello alla Russia perché smetta di giocare con la fame nel mondo. Per questo basta far cessare il blocco dei porti ucraini e smettere di distruggere le infrastrutture cerealicole dell’Ucraina". Lo dice a Lussemburgo, a margine del Consiglio Affari Esteri, la ministra francese degli Affari Europei ed Esteri Catherine Colonna.

"Riteniamo - continua - che sarebbe utile avere una risoluzione del Consiglio di Sicurezza. Ci sono troppi rischi a lasciare i cereali ucraini bloccati. E’ pericoloso non solo per il Medio Oriente, ma per tutto il mondo". 

Oggi a Lussemburgo "avremo il ministro degli Esteri egiziano che parteciperà ad una parte del Consiglio: l’Egitto ha un ruolo chiave per la sicurezza alimentare e la stabilità della regione. E ha un ruolo capitale nell’approvvigionamento di idrocarburi", conclude Colonna.

20 Giugno
Foto: pixabay
Autore
Claudio Mascagni

Commenti