Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Covid: gli USA supereranno presto vittime della spagnola

tampone covid.jpg

Un dato simbolico viste le enormi differenze di contesto sanitario, politico e sociale. Ma comunque significativo

Secondo i calcoli di ABC News, entro due settimane le morti dovute alla malattia Covid-19 supereranno quelle causate a inizio del 1900 dalla febbre spagnola.
Le vittime da spagnola furono circa 675mila, una tragedia passata quasi in sordina nel contesto di un clima già sconvolto dalla Prima Guerra Mondiale. Le vittime da Covid-19, ad oggi, hanno già superato le 662mila.

Gli USA al momento viaggiano a un ritmo di mille morti al giorno, dunque secondo le stime di Abc News supereranno entro meno di due settimane le vittime dell’epidemia del 1918. A inizio '900 , tuttavia, la popolazione USA contava 103 milioni di persone. L’epidemia di spagnola ebbe dunque un effetto molto più pesante sulla popolazione, contando anche l’enorme diffusione e il grosso numero di morti tra i giovani.

In Italia e nel mondo

In Italia le vittime da spagnola furono 600.000 su 40 milioni di abitanti e ad oggi i decessi dovuti alla malattia Covid-19 sono circa 130mila. 
In tutto il mondo, l’influenza spagnola uccise un totale di circa 50 milioni di persone su un numero di contagiati di 500 milioni: una persona su dieci contagiata da spagnola ne rimaneva vittima in una popolazione mondiale che contava circa 2 miliardi di persone, un quarto di quella odierna. 
Differentemente, la pandemia del nuovo coronavirus ha causato 4 milioni e mezzo di decessi su una popolazione contagiata di 219 milioni, circa 2 su 100.

Le morti di Spagnola non sono tuttora certe data la confusione statistica con i numeri della Prima Guerra Mondiale. Ciò che è certo è il fatto che l’epidemia di spagnola fu un colpo di grazia inferto ad un mondo già in ginocchio, che aveva visto i suoi giovani cadere in guerra di fronte a un nemico rumoroso, per poi vederli soccombere su un letto di ospedale ad un nemico invisibile. 

16 Settembre
Foto: pixabay
Autore
Emanuele Di Casola

Commenti