Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Il vicepremier talebano Baradar smentisce le voci sul suo conto

baradar.jpg

I media avevano posto l’accento sulla sua scomparsa dalle scene pubbliche, insieme a quella del leader supremo Akhundzada

È notizia di oggi che il mullah Abdul Ghani Baradar, vicepremier del governo talebano, è apparso in una tv afghana, smentendo tutte le voci dei media sul suo possibile coinvolgimento in uno scontro con i talebani della rete Haqqani.
“Sono in salute”, ha detto Baradar alla radio televisione afghana, negando anche i presunti dissidi tra gruppi Talebani. Il mullah ha poi giustificato la sua assenza dalle scene pubbliche dicendo “Ero in viaggio e non potevo tornare in tempo”, affermando che le alte cariche dei Talebani hanno tra loro rapporti “Anche più stretti di una famiglia”. 

Le voci sulla scomparsa

Qualche giorno fa avevamo scritto dell’inchiesta del Guardian, che aveva evidenziato la scomparsa dalla scena pubblica del nuovo vicepremier Baradar e del leader supremo Haibatullah Akhundzada, quest’ultimo ancora fuori dalle scene pubbliche dalla presa di Kabul lo scorso agosto.
Le voci si erano rincorse a Kabul su questa vicenda, e parlavano dell’uccisione o ferimento dei due in seguito a dissidi interni tra i Talebani, dovuti alla formazione del nuovo governo e al “moderatismo” di Baradar, incline al dialogo con l’Occidente.

I talebani si erano affrettati fin da subito a spegnere le voci su questo argomento, alimentando ulteriormente i sospetti dei media sulla vicenda.
Una notizia di ieri 15 settembre del Pashtun Times, dava il vicepremier mullah Baradar per ferito e ricoverato in un ospedale di Kandahar.
Secondo la BBC, il ferimento sarebbe avvenuto dopo lo scontro con un altro gruppo di terroristi, quello guidato dal nuovo ministro degli interni Khalil ur-Rahman Haqqani.

16 Settembre
Autore
Emanuele Di Casola

Commenti