Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

E i pronto soccorso sono meno affollati di prima

paura covid in ospedale.jpg

Cimo Fesmed: 'crisi dei pronto soccorso? Oggi sono meno affollati di 2018 e 2019'

"Non è vero che i pronto soccorso in questi giorni sono presi d'assalto. O almeno non più del solito". Lo sostiene la Federazione Cimo-Fesmed che ha comparato gli ultimi dati di accesso giornalieri a queste strutture, presenti sul portale Agenas, con i corrispettivi del 2018 ed il 2019, scoprendo così che solo in Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Trentino Alto Adige e Toscana ci sono stati più accessi. Per la sigla sindacale, a rallentare i tempi oggi sono anche i posti letto Covid ancora non riconvertiti nonostante la tregua della pandemia, e su cui serve intervenire al più presto.

Tornando ai dati, nelle regioni al centro delle cronache - spiega il sindacato - la differenza di ingressi in pronto soccorso tra 2022, 2018 e 2019 (in un momento dunque precedente al Covid) è negativa: in Campania il 9 maggio 2022 ci sono stati 1.677 accessi in meno rispetto al 2019 e 1.780 in meno rispetto al 2018; in Piemonte il 10 aprile ci sono stati 4.424 accessi in pronto soccorso in meno rispetto al 2019 e 4.779 rispetto al 2018; il Lazio il 9 maggio ha registrato 610 accessi in meno rispetto al 2019 e 776 in meno rispetto al 2018, e così via.

"Questo ovviamente non significa accettare le condizioni in cui è costretto a lavorare il personale sanitario o il modo in cui vengono trattati i pazienti: quelle denunciate negli ultimi giorni sono situazioni intollerabili, ma purtroppo all'ordine del giorno in tutta Italia da anni, frutto di tagli irrazionali a posti letto, strutture e professionisti. Né il Covid-19 può essere una giustificazione - precida Cimo-Fesmed - considerato che oggi influisce in maniera residuale sui ricoveri: a livello nazionale risultano occupati da pazienti Covid il 4% delle terapie intensive e il 13% delle aree non critiche".

"Sorge allora il dubbio che l'indisponibilità di posti letto per ricoverare i pazienti dal pronto soccorso possa essere legata anche alla lentezza con cui gli ospedali si adeguano alla situazione epidemiologica: non sarà che molti posti letto sono ancora destinati al Covid-19, che non vengono riconvertiti nonostante la pandemia offra uno spiraglio di tregua? Non sarà che i pronto soccorso esplodono e che altre aree ospedaliere sono vuote?", si domanda il sindacato.

Per la Cimo-Fesmed, "la difficoltà ad accedere a dati certi oggi rappresenta un problema in termini di organizzazione e di efficienza del servizio: perché l'ottimo sistema di monitoraggio dei ricoveri adottato per il Covid-19 non viene esteso a tutta l'attività ospedaliera? Maggiore trasparenza aiuterebbe pazienti, direzioni ospedaliere e istituzioni che, disponendo di informazioni costantemente aggiornate, potrebbero adottare le misure necessarie a migliorare l'assistenza e a ridurre i tempi di attesa, dirottando l'assistenza nei settori in cui c'è maggior bisogno".

"Sono ormai anni che la Federazione Cimo-Fesmed sottolinea la necessità di strutture ospedaliere flessibili, che siano in grado di modificare la propria organizzazione sulla base delle necessità", dichiara il presidente della Federazione, Guido Quici. "I pazienti con Covid-19 che necessitano di ricovero in queste settimane sono meno rispetto ai mesi scorsi, e presumibilmente il trend continuerà ad essere questo per tutta l'estate. E' dunque il momento di lavorare per recuperare milioni di prestazioni saltate negli ultimi 2 anni - esorta - con la consapevolezza di dover essere pronti, in autunno, ad allestire nuovamente reparti Covid nel caso il virus tornasse a rialzare la testa. Ma nel frattempo non è possibile rimanere in attesa che si verifichi un’eventualità. Bisogna agire, e fare presto".

13 Maggio
Foto: pixabay
Autore
Giada Giacometti

Commenti