Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Esplode la situazione in Ucraina

putin.jpeg

La Russia non si limiterà al Donbass, vuole la completa distruzione del Paese. La Bielorussia pronta a sostenere Putin?

"Il Cremlino non limiterà i suoi appetiti al Donbass e sta pianificando la completa distruzione dell'Ucraina". Lo ha detto Kyrylo Budanov, capo dell'intelligence ucraina, in un'intervista a "RBK-Ucraina, sottolineando che "siamo stati i primi a dire cosa e come sarebbe successo. Pertanto, posso dirvi con piena responsabilità che i piani della Russia sono la completa distruzione dell'Ucraina, assolutamente completa. Non risponderò - ha aggiunto - a qualsiasi domanda che riguardi teorie secondo le quali, forse, il Donbass gli basterà".

Ma intanto scatta l'allarme. "L'ipotesi di un ingresso diretto in guerra della Bielorussia aumenterà proporzionatamente a successi russi". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, aggiungendo di avere contatti "molto limitati" con la diplomazia di Minsk.

"Abbiamo un ambasciatore in Bielorussia e loro hanno un'ambasciata a Kiev - ha aggiunto Kuleba - Questi sono gli unici canali di comunicazione. Ovvero, tutto è molto secco e ufficiale, ma non c'è una casella di posta giornaliera piena di comunicazioni".

E intanto le forze armate di Kiev hanno issato la bandiera dell'Ucraina sull'Isola dei Serpenti nel Mar Nero dopo aver costretto i russi a ritirarsi. Lo ha detto un portavoce del comando meridionale dell'esercito, il capitano Natalia Humeniuk, spiegando che "la bandiera dell'Ucraina è stata issata sull'isola, l'operazione è stata completata, l'isola è stata restituita alla giurisdizione dell'Ucraina".

E si apre uno spiraglio di pace con la visita del sommo pontefice. "La parte ucraina aveva ripetutamente invitato il Papa a visitare l'Ucraina. Crediamo che questa visita rafforzerà il ruolo del Pontefice nel riportare la pace sul suolo ucraino, oltre a sostenere lo spirito degli ucraini che stanno soffrendo a causa dell'aggressione russa". Lo ha detto il portavoce del ministero degli Affari esteri ucraino Oleg Nikolenko, commentando la volontà espressa dal Papa di recarsi in visita in Ucraina.

"È significativo - ha aggiunto - che Mosca stia ignorando in ogni modo possibile la disponibilità del Santo Padre a visitare la Russia. Questa è un'altra prova che il regime russo cerca la guerra, non la pace. Rinnoviamo l'invito a Papa Francesco a visitare il nostro Stato e a invitarlo a continuare a pregare per il popolo ucraino. Il bene vincerà sicuramente il male russo".

 

4 Luglio
Autore
Claudio Mascagni

Commenti