Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Niente gas razionato per le famiglie ma spegnete la luce

risparmio energetico

Azione risolutiva della Ue sull'emergenza gas. Non si può escludere la riduzione delle attività industriali

Le famiglie europee saranno esentate da qualsiasi misura di razionamento del gas. Lo assicura la Commissione Europea, ricordando che le regole attuali sulla sicurezza delle forniture tutelano già i 'clienti protetti', cioè le famiglie e i servizi sociali essenziali come gli ospedali e le scuole. Per questa ragione, le misure previste in caso di emergenza, che verranno comunque decise dagli Stati membri, si focalizzano sull'industria, più energivora, per la quale, malgrado tutti gli sforzi in corso, "non si può escludere una diminuzione dell'attività" a causa delle "minacce per le forniture". 

Il razionamento del gas o le restrizioni ai flussi dovrebbero essere adottati dagli Stati solo come "extrema ratio", quando tutte le altre opzioni si sono esaurite. Anche se le misure di riduzione della domanda si focalizzano sull'industria, "tutti possono contribuire a risparmiare gas", anche i singoli cittadini con i loro comportamenti quotidiani. Si incoraggiano quindi gli Stati membri a promuovere campagne di informazione e ad adottare misure per limitare il riscaldamento negli edifici pubblici o per ridurre il consumo del gas da parte delle centrali non fondamentali. A decidere le misure saranno gli Stati, tenendo conto delle linee guida date dal piano Ue, che indicano criteri guida per applicare i risparmi energetici.

Le famiglie in tutta l'Unione sono, comunque, "incoraggiate", e non obbligate, a contribuire allo sforzo per ridurre i consumi, per esempio "abbassando il riscaldamento o l'aria condizionata", evitando di usare "l'asciugatrice", "spegnendo le luci quando non servono" e "isolando" per bene le case "ove possibile", per evitare dispersioni di calore (le abitazioni male isolate consumano molta più energia). Le misure individuali, sottolinea la Commissione, possono portare a risparmi significativi: una temperatura più bassa del termostato (l'esecutivo Ue non specifica di quanto) da sola potrebbe portare a risparmiare "10 mld di metri cubi di gas all'anno". 

20 Luglio
Foto: pixabay
Autore
Giada Giacometti

Commenti