Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

E la sanità pubblica diventò Far West

vaccinocovid 3.jpg

Il virologo Crisanti: 'urgente abolire autotest, ormai è il far west della sanità pubblica. Dati sui contagi non sono più credibili'

"I dati di Covid-19? Non sono più credibili. Io veramente penso che una misura da adottare d'urgenza dovrebbe essere abolire i tamponi rapidi a casa. I test fai-da-te vanno aboliti perché accecano il sistema sanitario, non sono sensibili, e molto spesso le persone non si autodenunciano o si denunciano tardi mettendo a rischio la propria salute. E' diventato un 'far west'". Torna a puntare il dito contro il dilagare degli autotest il virologo Andrea Crisanti.

E' anche questo che sta spingendo la corsa del virus? "Certo - analizza il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova - I tamponi rapidi prima di tutto non sono sensibili, molto spesso risultano negativi, le persone in più non si denunciano, non fanno le quarantene e così è diventato un far west". Per Crisanti "non si dovevano autorizzare i tamponi rapidi a casa. Quando mai un Paese civile affida ai propri cittadini la gestione della sanità pubblica? Non esiste", dice l'esperto all'Adnkronos Salute. "Io avrei mantenuto un sistema serio di identificazione dei positivi. Poi, invece, per quanto riguarda il tracciamento la questione è più complessa".

Intanto oggi si è creato un problema anche sui numeri, osserva il virologo, ed è difficile pure inquadrare bene l'impatto delle attuali sottovarianti come Omicron 5: "Si parla di aumento di positivi, ma quanti sono davvero questi positivi? Quante sono le persone che a casa si fanno il tampone ed è positivo e non lo dicono? Quante persone non vanno in quarantena e dovrebbero? Siamo nel far west della sanità pubblica. Non si capisce più niente".

4 Luglio
Autore
Claudio Mascagni

Commenti