Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

Un viaggio nella Costa della Morte in Galizia

costa-da-morte-4355899_1920.jpg

Avete percorso il cammino di Santiago e avete qualche giorno di riposo e relax? Affrontate la Costa della Morte

Avete percorso il cammino di Santiago e avete qualche giorno di riposo e relax? Affrontate la Costa della Morte che vi porterà fino alla fine della terra assaggiando i crostacei percebes. 

La costa della morte (Costa de la Muerte in spagnolo) è una zona costiera della Galizia situata nella provincia spagnola di A Coruña e compresa tra Malpica e il Capo Fisterra: il cuore della zona è sito naturale di importanza nazionale di Cabo Vilán a Camariñas. Dalle condizioni spesso difficili del mare e dalla conformazione della costa, formata da numerose scogliere rocciose a picco sull'oceano, deriva il nome che rimanda ad antichi racconti di pescatori e ad immani tragedie del mare.

<strong>La Costa da Morte è stata in passato palcoscenico di molti naufragi avvenuti anche recentemente</strong>, come quello della petroliera Prestige. Le autorità della Galizia hanno sempre negato la strage di fauna successiva ed hanno contrastato in passato i volontari di Greenpeace che intendevano pulire le spiagge. Non è difficile lungo le coste scorgere delle croci erette in prossimità del mare come preghiera per i dispersi in mare: le più celebri sono quelle di Cabo Roncudo e a Capo Fisterra. Tale costa è anche nota tra i pescatori galiziani, per la grande abbondanza del crostaceo Pedunculata.

<strong>Cabo Fisterra (in spagnolo Cabo Finisterre)</strong> è un promontorio della Spagna amministrativamente facente capo al comune di Finisterre, in provincia della Coruña. Sorge nella Costa da Morte in Galizia nordoccidentale e affaccia sull'Oceano Atlantico. Cabo Fisterra separa convenzionalmente le Rías Altas dalle Rías Baixas (Rías Bajas in castigliano) e <strong>rappresenta il punto d'arrivo del Cammino di Santiago di Compostela, segnatamente, presso la Chiesa di Nosa Señora das Areas</strong>). È spesso ritenuto – anche in virtù del nome (derivato dal latino finis terrae, cioè "fine della terra") – idealmente, ma erroneamente, il lembo di terra più a ovest della Spagna continentale (ma Cabo da Nave si trova a 5 km più a ovest), se non addirittura della penisola iberica (dimenticando Cabo da Roca, in Portogallo, il punto più a ovest dell'Europa continentale).

Il promontorio è formato da rocce in granito e si erge per 600 m sul livello del mare. <strong>Lungo il promontorio si trovano le spiagge di O Rostro, Arnela, Mar de Fora, Langosteira, Riveira, e Corbeiro.</strong>
Durante la Seconda guerra mondiale a circa 300 miglia a ovest di Capo Fisterra il 23 maggio 1943 il sommergibile italiano Leonardo da Vinci, comandato dal capitano di corvetta Gianfranco Gazzana Priaroggia, venne affondato dall'azione combinata del cacciatorpediniere Active e della fregata Ness della Marina britannica. Numerose rocce del promontorio sono associate a leggende religiose. Vi si trova inoltre la tomba della <strong>divinità celtica Orcabella.</strong>

<strong>Cabo Vilán è un sito naturale di importanza nazionale</strong> situato presso Camariñas nella Spagna settentrionale. Il faro di Cabo Vilán segnala uno dei tratti più pericolosi della Costa da Morte: esso è posto a 125 m di altitudine su promontorio roccioso con scogliere vertiginose che terminano in una punta che fronteggia un <strong>isolotto chiamato Vilán di Fóra</strong>. Nei pressi si trova il Cimitero Inglese, a ricordo di una tragedia del mare nella quale perirono i componenti di una nave britannica sfracellatasi contro le scogliere durante una tempesta.
<strong>
Tra le prelibatezze della gastronomia troviamo i Pedunculata sono un ordine di crostacei maxillopodi.</strong> Sono crostacei che vivono attaccati a rocce, navi o relitti che galleggiano in mare. Lo stelo o peduncolo è sormontato da un guscio bianco gessoso che ospita il corpo principale. Sono imparentati con granchi e aragoste e si nutrono principalmente di plancton. Inizialmente erano classificati nell'ordine dei Pedunculata, ma a seguito di ulteriori ricerche sono stati inseriti nell'infraclasse dei Thoracica. In Portogallo e Spagna costituiscono una apprezzata risorsa alimentare, nota come percebes. Sono un piatto tipico della Galizia. 

18 Settembre
Foto: pixabay
Autore
Claudio Mascagni

Commenti