Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
Loader

San Jordi e la sete di conoscenza madre di libertà

seagulls-6841129_1920.jpg

La Giornata mondiale del libro è un'occasione per guardarsi dentro e conoscere se stessi e gli altri

Parte dai conquistadores e si diffonde in tutto il mondo. La tradizione di regalare il 23 aprile, San Jordi, il santo patrono di Barcellona, cioè San Giorgio, un libro e una rosa: le donne regalano la conoscenza agli uomini e loro di riflesso una rosa, un omaggio gentile, visto che sono sempre le donne ad aprirci gli occhi al mondo, sin dal nostro primo vagito. 
il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro, le ramblas del capoluogo catalano si riempiono di aria festante che odora di libri, di curiosità, di confronto e di conoscenza. 
È vero che la leggenda più famosa narra che un giorno San Giorgio passasse per una città di nome Selem, in Libia, dove in un lago viveva un grosso e insaziabile drago che non si accontentava più di mangiare le pecore offertegli dagli abitanti ma voleva esseri umani. San Giorgio si armò di fede, coraggio e lancia sconfiggendo il drago. Da scrittore, mi piace pensare che San Jordi abbia sconfitto il drago dell’ignoranza e che questa tradizione barcellonese contagi tutto il mondo, tra un’insaziabile sete di conoscenza e una continua ricerca di atti gentili tra gli esseri umani, veri motori di pace, fratellanza e progresso. Cioè, verso quella strada di libertà che si chiama vita. 
23 Aprile
Foto: pixabay
Autore
Gian Luca Campagna

Commenti